Roma-Juventus: Arbitra Colombo, dalla D alla FIFA, tra premi e controversie

Andrea Colombo, della sezione di Como, dirigerà il match tra Roma e Juventus nel posticipo domenicale del 35° turno di Serie A. Il Var sarà gestito da Di Paolo. Il percorso di Andrea Colombo, dall'esordio nel calcio professionistico alle controversie sul campo Primavera

Andrea Colombo, della sezione di Como, dirigerà il match tra Roma e Juventus nel posticipo domenicale del 35° turno di Serie A. Il Var sarà gestito da Di Paolo. Il percorso di Andrea Colombo, dall'esordio nel calcio professionistico alle controversie sul campo Primavera

Nel prossimo attesissimo scontro tra Roma e Juventus nel campionato di Serie A, sarà Andrea Colombo, proveniente dalla sezione di Como, a prendere in mano il fischietto principale. La decisione è stata annunciata ufficialmente, preparando così il terreno per un duello che promette scintille.

La scelta di Colombo è stata accompagnata da una squadra di assistenti altamente qualificata: Alassio e Preti coadiuveranno il direttore di gara sul campo, mentre Guida sarà il quarto uomo a bordo campo.

Ma le decisioni non finiscono qui. Per quanto riguarda il supporto tecnologico, il Video Assistant Referee (Var) e l’Assistant Video Assistant Referee (Avar) saranno gestiti rispettivamente da Di Paolo e Dionisi. Una scelta che si prefigura cruciale, considerando l’importanza che le decisioni tecnologiche assumono nell’odierno panorama calcistico.

Andrea Colombo: Carriera, Premi e Controversie dell’Arbitro Emergente

Andrea Colombo, nato nel 1990, ha tracciato un percorso impressionante nel mondo dell’arbitraggio calcistico italiano, passando dai campi della Serie D fino alla nomination come Arbitro Internazionale FIFA nel 2024. Tuttavia, la sua carriera non è stata priva di ostacoli e controversie, come dimostrato dal caso coinvolgente il Milan Primavera.

Il suo debutto nel calcio professionistico è avvenuto nel 2017-2018, dopo tre stagioni nella Serie D, quando è stato promosso alla Serie C. Il 10 settembre 2017, ha fatto il suo esordio nella nuova categoria arbitrando Ravenna-Triestina, match concluso con un netto 1-5 a favore degli ospiti. Il suo primo assaggio della Serie B è avvenuto il 29 agosto 2021, dirigendo Parma-Benevento, vinto 1-0 dai ducali.

Ma è stato nel 2021 che Colombo ha fatto il grande salto, facendo il suo debutto nella Serie A il 2 dicembre, arbitrando Torino-Empoli, una partita conclusasi con un pareggio 2-2. La sua ascesa non si è fermata qui: l’11 marzo 2023 ha diretto il suo primo grande match nella massima serie italiana, Napoli-Atalanta, finita 2-0 per i partenopei.

Il suo talento è stato riconosciuto a livello nazionale quando, il 23 giugno 2023, ha vinto l’ottava edizione del Premio Nazionale “Luca Colosimo” come miglior giovane arbitro di Serie A non ancora internazionale. La sua carriera ha raggiunto un altro traguardo significativo il 21 dicembre 2023, quando è stato ufficialmente nominato Arbitro Internazionale dall’AIA, guadagnando un posto nella lista FIFA per il 2024. Il 14 gennaio 2024, ha ricevuto il Premio Maestrelli come “Giovane arbitro internazionale emergente”.

Tuttavia, il percorso di Colombo non è stato esente da controversie. Un caso significativo coinvolge il Milan Primavera, dove Colombo è stato coinvolto in un episodio che ha portato alla sua squalifica per due mesi, come riporta CM.com. Risalente al 2018, durante Milan-Chievo Primavera, Colombo è stato accusato di aver tenuto un atteggiamento provocatorio e denigratorio nei confronti dei giocatori rossoneri.

Sebbene il ricorso presentato dal Milan abbia annullato l’inibizione di Paolo Maldini, la squalifica di un calciatore è stata confermata dalla procura federale per “frasi inopportune dal contenuto denigratorio e provocatorio”. Questo episodio ha segnato un momento controverso nella carriera in ascesa di Andrea Colombo.

Change privacy settings