Capello difende Lukaku: "Prima di cederlo, rifletterei attentamente"
Capello difende Lukaku: "Prima di cederlo, rifletterei attentamente"

Capello difende Lukaku: “Prima di cederlo, rifletterei attentamente”

L'ex allenatore della Roma, Capello, interviene sul futuro di Lukaku, esortando alla prudenza prima di prendere decisioni affrettate. Le prestazioni del centravanti belga e il suo impatto sulla squadra sono al centro del dibattito dopo la sconfitta contro l'Atalanta

L'ex allenatore della Roma, Capello, interviene sul futuro di Lukaku, esortando alla prudenza prima di prendere decisioni affrettate. Le prestazioni del centravanti belga e il suo impatto sulla squadra sono al centro del dibattito dopo la sconfitta contro l'Atalanta

Ai microfoni di RaiRadio1, Fabio Capello ha offerto il suo parere sul futuro del centravanti Romelu Lukaku, dopo la prestazione deludente nella recente sconfitta contro l’Atalanta.

L’ex allenatore giallorosso ha elogiato le capacità del belga, autore di 20 gol in stagione, sottolineando la sua importanza per la squadra nonostante le critiche ricevute dopo la partita contro i bergamaschi. Capello ha evidenziato la necessità di strutturare il gioco intorno a Lukaku, riconoscendo la sua potenza e capacità realizzativa, nonostante le sue limitate doti tecniche nel ricevere la palla.

Capello ha anche avvertito sul rischio di cedere il giocatore troppo presto, sottolineando la sua importanza per la squadra e il suo ruolo di goleador che rappresenta una minaccia per gli avversari: “Lukaku è un giocatore particolare. Per farlo rendere al massimo, è necessario impostare il gioco attorno a lui, giocare con lui. Non è un calciatore dotato di una tecnica straordinaria quando riceve il pallone, ma la sua potenza e il suo istinto da goleador lo rendono una minaccia per gli avversari. È un giocatore determinante, ma le sue caratteristiche possono limitare alcune idee tattiche più variegate. Tuttavia, va considerato uno dei migliori attaccanti in circolazione. Prima di decidere di cederlo, sarei molto cauto.”

Le parole dell’ex allenatore rimettono in discussione il futuro di Lukaku nella Roma, considerando che la qualificazione alla Champions League è un obiettivo difficile da raggiungere per il club giallorosso.

Change privacy settings